Solo un pari per L’Aurora Gallico. Occasione sprecata in vista del derby

aurora_gallico

Aurora Gallico – Nuova Rosarnese 2-2

Marcatori: Modafferi, G. Megali (AG)

GALLICO DI REGGIO CALABRIA – Finisce con un pareggio che non serve a nessuna delle due squadre l’avvincente gara disputata a KAVN Club di Gallico. Entrambe le squadre sprecano una ghiotta occasione per avvicinarsi alla vetta del campionato, ma alla luce di quanto visto in campo il pareggio è il risultato più giusto. L’Aurora scende in campo con Arrigo in porta, Giuseppe Modafferi ultimo, esterni Megali e De Giovanni, pivot Bueti. L’avvio di partita è abbastanza lento: le due squadre percepiscono l’importanza della posta in palio e si studiano cercando di scoprire i rispettivi punti deboli. La prima emozione la regala la Nuova Rosarnese al 9’ con un’incursione che si conclude in rete. I padroni di casa provano a reagire, ma sono sempre gli ospiti a rendersi pericolosi con un paio di tentativi sventati dal portiere Arrigo. Con il passare dei minuti e con i cambi, cala il livello di gioco della Nuova Rosarnese e l’Aurora ne approfitta, cambiando tattica di gioco sin dall’avvio troppo rinunciataria. Capitan Gangemi, Iannò e Ditto suonano la sveglia e la musica giallo-nera diventa una lieta sinfonia fatta di triangolazioni e veloci ripartenze. La strategia si rivela vincente e la formazione di casa riesce finalmente a farsi vedere dalle parti del numero uno rosarnese, bravo a farsi trovare pronto sulle prime conclusioni. Il gol è nell’aria e arriva puntuale al 22’ con un contropiede innescato dal duo Megali-Modafferi e concluso con un tiro sotto la traversa del secondo. Il gol regala nuove energie all’Aurora che potrebbe trovare la rete del vantaggio sempre in ripartenza, prima con Modafferi e poi con Melaouh. Il fischio dell’arbitro che decreta la fine del primo tempo sa di un gong a chiusura di un round in cui un pugile è pronto a finire al tappeto.

Il riposo fa bene agli ospiti che riacquistano nuove energie e tornano in campo concentrati come ad inizio partita. Il match, in avvio di ripresa, vede più in palla la Nuova Rosarnese grazie alla classe dei suoi maggiori uomini di esperienza. Gli ospiti tornano a costruire occasioni, sventate da autentici miracoli di Arrigo, in versione Spider Man, e da un pizzico di imprecisione degli attaccanti. Come nel primo tempo, con il passare dei minuti cala l’intensità della Rosarnese e gli uomini di mister Branca piano piano rientrano in carreggiata. A metà del secondo tempo, l’arbitro assegna all’Aurora un rigore contestato dagli ospiti per fallo su Ditto: capitan Gangemi si lascia ipnotizzare dal numero 1 ospite. Il risultato resta immutato. Gli ospiti, visibilmente irritati per l’operato del direttore di gara, al primo fallo assegnato all’Aurora entrano in campo per protestare e la partita viene sospesa per un paio di minuti. Dall’inattesa sosta ne trae giovamento il Rosarno, più esperto e smaliziato, che si ricompatta di fronte ad un’Aurora nervosa che si disunisce allungandosi in campo e subendo la rete del 2-1. Ma Megali e Modafferi non ci stanno e ancora una volta con una pregevole azione riportano il risultato in pareggio con un gol questa volta di Megali. Negli ultimi minuti, entrambe le squadre si scoprono pensando più a vincere la partita che a difendere il pareggio. Si contano almeno tre nitide palle gol per parte: Gangemi, Bueti e Giuseppe Modafferi si ritrovano tra i piedi la palla del match, ma l’imprecisione e la bravura del portiere ospite negano i tre punti. Ottimo, nonostante le polemiche della Nuova Rosarnese, l’arbitraggio del pasquale_falcone_dirigente_aurora_gallicosignor Ierecitano fischietto degno di altre categorie.

COMMENTI. «E’ stata un partita ostica sia sul piano fisico che mentale – ha dichiarato al temine dell’incontro il dirigente dell’Aurora Gallico, Pasquale Falcone (foto) con un primo tempo molto tattico ed un secondo ricco di occasioni da gol ed errori madornali sotto porta. In questi scontri diretti, si sa, i punti valgono doppio ed è stato un vero peccato non centrare la vittoria. Ma alla luce di quanto espresso in campo da entrambe le squadre credo che il pari sia il risultato più giusto. Certo, avremmo potuto fare di più. Oggi i nostri hanno dato tutto, soprattutto il laterale Megali, lasciando il cuore in campo come sempre. Il gruppo, i giovani Modafferi, Ditto, De Giovanni, e mister Branca, tra i tecnici più preparati della categoria, sono il nostro punto di forza in questa stagione in cui non ci poniamo obiettivi. Proveremo a vincere battaglia per battaglia, e solo dopo guarderemo la classifica. Intanto siamo già soddisfatti per ciò che abbiamo realizzato: i risultati non sono una nostra ossessione. Adesso occhi puntati al derby: i nostri ragazzi venderanno cara la pelle. Guardando la classifica è una gara di cartello, ma ci auguriamo che possa essere, prima di tutto, una festa di sport».

Ufficio stampa A.S.D. PGS Aurora Gallico